venerdì 29 gennaio 2016

[1x500] Libri di Gennaio

L'anno scorso (e sul vecchio blog) mi ero imposta due obiettivi al mese in ambito lettura, ovvero:
1 libro
500 pagine
Non è un obbligo, la lettura è e deve essere prima di tutto un piacere, però non mi dispiace avere un "compito" mensile, soprattutto conoscendo la mia pigrizia!

Il mese di gennaio è stato interamente dedicato alla "serie segreta" di Pseudonymous Bosch, una serie di 5 libri.. ma di questo voglio parlare in un post a parte in cui vi descrivo la serie completa, libro per libro!
Ho letto il terzo, quarto e quinto libro:
"Questo libro potrebbe farvi male" 217 pagine.
"Questo non è un libro" 320 pagine.
"Non toccate questo libro" 283 pagine.

Direi che questo mese son stata bravina, eh?
E voi?

...ma quante volte ho scritto "libro" in questo post?!

mercoledì 27 gennaio 2016

Giornata della Memoria

"Se Dio esiste dovrà chiedermi perdono"
 

lunedì 25 gennaio 2016

Vegan Waffle

Ieri mi sono alzata con la voglia di cucinare qualcosa per colazione...
Così mi sono ricordata di questa piatra che avevo preso anni fa!
(di cui le istruzioni sono perse chissà dove in casa.. ehm ehm...)


E niente, mi son messa a fare i waffle, ovviamente vegan!
La ricetta originale è questa: http://www.tribugolosa.com/ricetta-47461-waffel-light-senza-uova.htm
Ecco la mia versione:
  • una tazza di farina
  • una tazza circa di latte riso&mandorla
  • 80 gr di zucchero
  • 40 gr di margarina
  • 1/2 bustina di lievito per torte

  • Mi sono venute 4 cialde in tutto

    Ho setacciato la farina, ho unito lievito e zucchero.
    Ho sciolto la margarina 30sec al microonde e l'ho unita agli ingredienti secchi con il latte.
    Deve venire una pastella così
     
    Ho scaldato la piastra, versato circa un mestolo di pastella e aspettato che cuocesse...
     
    Ecco il primo waffle
    
     
    Mi ero dimenicata di spennellare con l'olio.. e staccarla è stata un'impresa.. quindi ricordatevi di farlo!
    A dire il vero, non è nemmeno cotto perfettamente... è rimasto aperto a metà
     
     
    E' perfetto per mettere in mezzo la marmellata, eh... ma non è un vero waffle!
    Il problema era la piastra troppo calda, così ho abbassato un po' la temperatura e... son venuti pppperfetti!


    
    Come ho scritto prima, ho mangiato i waffle con la marmellata, mentre il rugbista ha preferito la crema di nocciole =)


    mercoledì 20 gennaio 2016

    Risotto pere, gorgonzola e noci

    Ovvero, per me che son vegana, il lato oscuro del vegetariano!

    Con le dosi in realtà sono andata ad occhio...
    Per tre persone son più o meno queste:
    1 bicchierone riso carnaroli
    1lt circa brodo di verdure (fatto da me, neh)
    1 cipolla
    1/2 bicchiere vino bianco
    2 pere
    1 fettone gorgonzola
    noci

    Il procedimento di base è quello di un classico risotto.
    Quindi, prima di tutto, scaldate il brodo.
    Fate un bel soffritto con olio e cipolla.
    Versate il riso, fatelo tostare... poi sfumate con il vino bianco.
    Evaporato il vino, aggiugiungete il brodo un mestolo alla volta...
    Mentre il riso cuoce, fate a cubetti le pere, tenendo da parte due fettine che serviranno per decorare il piatto, e spezzettate le noci.
    Quando riso è quasi pronto, gli ultimi 5 minuti per dire, aggiungete le pere e il gorgonzola.
    Bon, fatto! Impiattate decorando con le pere e le noci.




    lunedì 11 gennaio 2016

    Scusate se esisto!

    Titolo: Scusate se esisto!
    Anno: 2015
    Regia: Riccardo Milani
    Attori protagonisti: Paola Cortellesi, Raoul Bova

    Non è la prima commedia che vedo della coppia Cortellesi-Bova e, di solito, sono piacevolmente divertenti.

    Serena Bruno è un giovane architetto che, dopo vari stage all'estero, decide di tornare a lavorare in Italia.
    Addio grandi progetti, si ritrova a vendere mobili e fare la cameriera nel locale di Francesco per guadagnare due soldi in più.
    Dopo un piccolo equivoco amoroso, dove si scopre che Francesco è gay, tra i due nasce una grande amicizia.
    Serena partecipa ad un bando per riqualificare un palazzo di Roma con progetto non solo basato su cemento, ma dove sono previsti spazi che ragazzi o casalinghe possono sfruttare per stare insieme.
    Il progetto vince il bando... ma l'architetto vincitore è Bruno Serena, un uomo!
    Che fare? Serena finge di essere l'assistente dell'architetto Bruno casualmente impegnato in Giappone... almeno finchè non viene richiesta una videoconferenza!
    Così sarà Francesco a dover spiegare il progetto.. con improbabili gaffes!
    E quando la verità viene a galla, anche Michela (Lunetta Savino), assistente del pessimo Dott. Ripamonti (Ennio Fantastichini), ha qualcosa da dire...

    Una commedia leggera che porta ancora alla luce l'eterno conflitto uomo-donna in carriera. Un cast tutto italiano molto interessante.

    venerdì 8 gennaio 2016

    Big Eyes

    Titolo: Big Eyes
    Anno: 2014
    Regia: Tim Burton
    Attori protagonisti: Amy Adams, Christoph Waltz

    Principalmente, adoro Burton per il suo stile quasi inconfondibile, qui ha cambiato completamente genere, un bel rischio...

    Tratto da una storia vera, il film parla della vita di Margaret Keane, pittrice degli anni 50.
    Divorziata, con una figlia, la giovane Margaret dipinge bambini dai grandi occhi - da qui appunto il titolo del film - e incontra l'artista Walter Keane, il quale è specializzato in scorci di Parigi, città dove ha studiato e vissuto. E' quasi un colpo di fulmine, e quando l'ex marito di lei chiede l'affido della figlia, il matrimonio tra Margaret e Walter è presto fatto.
    Espongono entrambi le proprie opere in un piccolo locale, ma l'attenzione del pubblico è rivolta più che altro verso i grandi occhi di Margaret.
    Walter se ne rende conto e, approfittando del fatto che sono firmati "Keane", li vende come sue opere. Margaret, succube del carisma del marito, accetta di continuare a dipingere per lui, anche perchè questi grandi occhi hanno un grandissimo successo: cominciano ad arrivare guadagni spropositati, una bella casa... fino a quando la situazione diventa insopportabile.
    Walter chiede sempre più quadri e opere, ormai pensa solo ai soldi, alla bella vita, beve; Margaret è frustata, anche il rapporto con sua figlia comincia a rompersi... inoltre scopre che le vedute di Parigi di Walter non sono stati dipinti da lui, ma da qualcun altro! Lui non ha mai dipinto nulla!
    Così Margaret piglia la figlia e se ne va alle Hawaii, continuando a dipingere e inviando quadri a Walter con l'accordo che lui la lasci in pace.
    Questo finchè un giorno alla sua porta bussano due giovani donne, Testimoni di Geova. Spinta da questa religione che invita a condurre una vita retta, Margaret decide di denunciare il marito e far luce su tutta la faccenda.
    Come dimostrare che tutti i quadri sono opere sue e non di Walter? Semplice, entrambi sono invitati a dipingere davanti al giudice un bambino big eyes!

    Come ho scritto all'inizio, è il genere di film che da Burton non ti aspetti, ma che come sempre non dispiace!
    Una biografia drammatica ben fatta, il film è scorrevole per nulla pesante.
    Il finale è abbastanza scontanto, ma ricordiamoci che è ambientato negli anni '50, non deve essere stato facile essere donna, divorziata, con figlia a carico e trovare la forza di ribellarsi.

    giovedì 7 gennaio 2016

    2016

    Hello genti!
    Quest'anno per me è iniziato con il botto, nel vero senso della parola: colica renale proprio il primo giorno del 2016!
    Mmm... cosa vuoi dirmi caro anno nuovo? Che cerchi rogna?
    Ma facciamo un passo indietro.
    La festa per salutare il 2015 è andata bene.
    Tanti amici a casa nostra, tanto cibo, tanto vino, tante risate...
    Ho vinto la mia prima partita a Risiko!.. non sottovalutate la potenza delle armate viola!
     
    Ma, colica a parte, cosa voglio fare in questo 2016?
    Prima di tutto cercherò più serenità, ovvero tenere su da dosso la gente pesante. Ma proprio proprio su da doss, francamente me ne infischio e ciau.
    Scrivere un po' di più sul blog. E buttiamole giù due paroline ogni tanto, no?
    E basta usare Anobii un po' a cazz de can. Da oggi si inseriscono le date, e vediamo come me la cavo.

    Buon anno nuovo ragass