lunedì 11 gennaio 2016

Scusate se esisto!

Titolo: Scusate se esisto!
Anno: 2015
Regia: Riccardo Milani
Attori protagonisti: Paola Cortellesi, Raoul Bova

Non è la prima commedia che vedo della coppia Cortellesi-Bova e, di solito, sono piacevolmente divertenti.

Serena Bruno è un giovane architetto che, dopo vari stage all'estero, decide di tornare a lavorare in Italia.
Addio grandi progetti, si ritrova a vendere mobili e fare la cameriera nel locale di Francesco per guadagnare due soldi in più.
Dopo un piccolo equivoco amoroso, dove si scopre che Francesco è gay, tra i due nasce una grande amicizia.
Serena partecipa ad un bando per riqualificare un palazzo di Roma con progetto non solo basato su cemento, ma dove sono previsti spazi che ragazzi o casalinghe possono sfruttare per stare insieme.
Il progetto vince il bando... ma l'architetto vincitore è Bruno Serena, un uomo!
Che fare? Serena finge di essere l'assistente dell'architetto Bruno casualmente impegnato in Giappone... almeno finchè non viene richiesta una videoconferenza!
Così sarà Francesco a dover spiegare il progetto.. con improbabili gaffes!
E quando la verità viene a galla, anche Michela (Lunetta Savino), assistente del pessimo Dott. Ripamonti (Ennio Fantastichini), ha qualcosa da dire...

Una commedia leggera che porta ancora alla luce l'eterno conflitto uomo-donna in carriera. Un cast tutto italiano molto interessante.

6 commenti:

  1. Questo l'ho visto su Sky. Non mi è dispiaciuto, soprattutto la Cortellesi valorizza la pellicola, più di Bova, poi il "messaggio", effettivamente, è più reale di quanto non sembri.

    Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che è appunto il "messaggio" che dà punti alla pellicola. Per il resto, ho visto commedie megliori, anche con la coppia Bova-Cortellesi...

      Elimina
  2. Disciplina interessante l'architettura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm.. non so, non mi attira molto a dire il vero =)

      Elimina
  3. Il film l'ho visto e l'ho trovato molto divertente. Anche se la Cortellesi non è al suo solito. Il messaggio è duro e realistico. Quanta strada ancora da fare eh.
    Ma come ho fatto a perdermi il tuo blog fino ad ora, Persefone?
    Mi hai conquistato già dal titolo!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il titolo a dire il vero l'ho cambiato da poco =) =)

      Elimina