giovedì 23 marzo 2017

Poi vediamo

Io scrivo, poi vediamo.
E il "poi vediamo" lo aggiungo a qualunque cosa.
Tipo: stasera riprendo gli allenamenti di rugby, che avevo mollato perché non stavo bene né fisicamente né mentalmente. Ecco, stasera io ci provo poi vediamo.
Non so perché mi prendo così male per le cose.
Se non gioco bene, amen cosa vuoi che succeda? Non giocherò le partite (che comunque non vorrei fare in ogni caso - sai che ansia?)
Le compagne mi romperanno le palle? In realtà sono loro che mi hanno detto più volte di tonare.
"Torna, prova.. poi si vedrà"
Io non sono molto brava in ambito sport, anzi per nulla brava, e mi sento troppo in difetto rispetto agli altri.
Mi sa che è proprio il POI che mi blocca, o meglio mi spaventa.

Ho un problema (?) con l'alcool: non mi so regolare. Esco e sarei capace di bermi anche un'intera bottiglia di sambuca. Così.
L'unica soluzione (?) che ho trovato è: non uscire.
Se sono a casa non bevo (e si, ho un armadietto pieno di alcolici, ma non li tocco) quindi se dico "esco poi vediamo" nel POI c'è la visione di me ubriaca da far schifo.
Allora, per evitare la solita figura da ubriacona davanti agli altri, me ne sto a casina e amen

Questa settimana ho ricominciato a prendere dei calmanti prima di dormire.
Perché tanta è l'ansia, tanti sono i pensieri, che non dormo o faccio incubi o mi metto a piangere.
Li prendo e poi vediamo

15 commenti:

  1. Azz, mi sa che pur se con le dovute differenze e cause... siamo in un casotto simile.
    Non rinunciare a quelle lacrime: io non lo facevo più. Tenevo botta. Ed ho avuto attacchi di panico :*
    Se posso, prova a togliere il "poi vediamo". Fai girare solo la prima parte delle frasi. Con me ha funzionato.
    E se hai bisogno... lo sai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che mi sento così in "difetto" rispetto agli altri che è dura.
      Grazie <3

      Elimina
  2. Quanto siete complicate voi donne, però!! XD
    Troppi problemi :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questa è la classica risposta che, almeno per me, fa più male che bene.
      Perché tende a sottilineare quanto io sia pensante, in generale.

      Elimina
  3. Io penso che il "poi vediamo" possa essere una buona strategia. Perché non è mai passivo ma porta con se dei gran cambiamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti hai ragione, solo che mi terrorizza un po', ecco.

      Elimina
  4. mi spiace leggerti così :(
    in passato ci sono stata dentro anche io in un periodo del genere. Fortunatamente è passato, sono sicura passerà anche per te!
    Purtroppo, tra l'altro, adesso c'è dentro Marito (quindi non siamo solo noi donne ad essere complicate). Goccine per dormire e psicologa spero funzionino...

    RispondiElimina
  5. Non è malaccio il "poi vediamo".
    Lo uso anche io, molto spesso, e mi fa sentire.. in gamba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari mi ci sentirò anch'io, prima o poi (sempre poi)

      Elimina
  6. ogni tanto lo dico anche io "poi vediamo", solitamente lo dico quando sono d'accordo con qualcuno e debbo fare serata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, quando ero una persona socievole =)

      Elimina
  7. Cerca di trovare il tuo equilibrio dentro quei "poi vediamo". Equilibrio che deriva dalle scelte che questi comportano, e che comunque sono dovute a qualcosa, come può essere il non uscire per evitare quello che pensi poi accadrà. Anche se, mi sento di dirlo, credo che non sia non uscire la soluzione, poi magari può essere difficoltoso, però credo che dipenda da te, e che tu sia forte abbastanza per gestirla ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si prova, Mauri, ci si prova....

      Elimina